Se parliamo di formazione e di ciò che evoca in noi, ognuno assocerà nella propria mente un’immagine a questo concetto. Per qualcuno potrebbe essere un’aula piena di studenti che ascoltano il proprio insegnante. Per qualcun altro potrebbe trattarsi di un ambiente da studio, con una scrivania e molti libri. Per altri potrebbe essere un computer, una modalità di formazione a distanza, seguendo un programma specifico, ma utilizzando strumenti e modalità diverse da quelle tradizionali, non solo per interagire con il docente, ma anche per quanto riguarda i materiali didattici a disposizione.

Qualunque sia l’immagine che ti è venuta in mente, non puoi non tener conto del fatto che la formazione oggi è cambiata e si sta evolvendo continuamente.

Sicuramente il progresso tecnologico ha contribuito in maniera importante, fin dagli albori dei primi materiali didattici multimediali come i cd-rom, di cui i nativi digitali ignorano l’esistenza, ma che molti di voi ricorderanno, anche se a fatica! Penso anche ai primissimi progetti di e-learning, che adesso ci sembrano così lontani, ma che per molti anni, in paesi più pronti al loro avvento, hanno rappresentato e rappresentano tuttora una parte importante anche della formazione accademica. In paesi come il Canada, ad esempio, all’interno delle università vengono svolti numerosi progetti formativi in modalità e-learning, che hanno un grande successo e permettono ai discenti di ottenere risultati decisamente positivi, anche grazie alla possibilità di interagire con docenti che si trovano dall’altra parte del mondo.

E poi ci sono i social. Solo una decina di anni fa nessuno di noi avrebbe pensato che potessero diventare importanti per la formazione. Pensiamo a quante persone oggi per imparare a fare qualcosa, soprattutto in ambito digitale, vanno a cercare un tutorial su Youtube oppure si iscrivono a un gruppo su Facebook dedicato alla tematica di loro interesse. Il ruolo di questi strumenti viene legittimato sempre di più anche dal fatto che ormai da più di 5 anni li vediamo presenti in molte classifiche dei migliori tool per l’e-learning.

Poi ci sono numerose piattaforme, che si sono strutturate proprio per offrire una formazione online adatta alle esigenze più attuali, che sono diventate un importante asset per molte attività imprenditoriali. 

Perché?

Perché oggi la formazione deve necessariamente essere un sistema integrato che comprenda modalità tradizionali, ma che preveda anche l’utilizzo di strumenti che ci permettano di fruire dei vari contenuti didattici in modalità diverse e complementari.

Proprio per questo motivo sono nate tantissime scuole di formazione con l’obiettivo di presentare un’offerta formativa sempre più ricca e spesso molto specifica. Come richiede il mercato, è necessario offrire una formazione sempre più specialistica, per formare figure sempre più esperte nel loro ambito specifico, che gli permetta di emergere anche nella ricerca di un lavoro, rispetto a figure con formazioni più generaliste e spesso meno adatte ad essere subito operative e produttive per le aziende.

Sono tante le scuole di formazione, ma oggi vi voglio parlare di una in particolare, tra le più affermate in Italia, fortemente focalizzata sul Digitale, l’ambito che anche per la mia professione, ritengo fondamentale oggi.

Mi riferisco a Digital Coach, di cui ho intervistato il Digital Marketing Manager, Luca Papa.

Quanto crede che la formazione e la crescita personale influiscano sul successo di una persona?

Direi il 100%! Nel senso che per avere successo devi essere un professionista competente e capace, sia dal punto di vista tecnico che di dinamiche interpersonali e di leadership. Tutto questo arriva solo grazie al fatto che tu cresca. Nessuno di noi nasce già “persona di successo”, lo diventa! Per crescere e diventare una persona di successo sicuramente la formazione in aula o online, rappresenta uno degli strumenti fondamentali, ma non l’unico. Mi piace parlare di formazione in senso allargato, perché ciò di cui abbiamo bisogno esce anche dall’aula. Possiamo dire che il successo di una persona è direttamente proporzionale alle sue capacità, tutte acquisite grazie a delle vere e proprie esperienze di apprendimento. 

Quali sono i vantaggi per chi sceglie di seguire un percorso con Digital Coach rispetto ai competitor?

Un primo aspetto è che noi siamo una vera e propria scuola, specializzata esclusivamente in formazione digitale dal 2013. Secondo aspetto: noi formiamo esattamente alle professioni digitali, mettendo in campo le persone, anche con esercitazioni e praticantati reali che gli permettono di rendersi conto davvero del lavoro che andranno a fare. Terzo aspetto è che mediamente abbiamo una capacità di fare ciò che insegniamo che è superiore alla media della maggior parte degli altri player presenti sul mercato. Se si guarda la nostra presenza online, ci rendiamo conto che è diffusa su tutti i media online. Tutto quello che si può fare, prima che insegnarlo, lo facciamo noi per primi. Inoltre abbiamo sviluppato all’interno della nostra azienda delle metodologie proprietarie per lo sviluppo del personal branding dei nostri studenti, per aiutarli a trovare lavoro, e anche dedicate all’impresa, finalizzate allo sviluppo di strategie digitali da implementare in azienda. 

Poi entriamo anche nel tema della continuità e dei numeri. Siamo una scuola leader da diversi anni, abbiamo una delle offerte più ampie in Italia per quanto riguarda la gamma delle figure professionali che formiamo, che sono oltre 25. Abbiamo una quantità, per volumi e continuità davvero importante. Non abbiamo solo formazione online, ma percorsi in aula reali, ogni giorno, offrendo anche corsi in orari serali, nelle nostre sedi. Poi abbiamo dirette online e anche corsi “on demand”. Questo ci rende una vera e propria scuola, radicata nel tessuto digitale, con una quantità incredibile di relazioni con le aziende, specialmente nel territorio di Milano, ma non solo.

Forse la cosa più importante è che se andiamo su LinkedIn e cerchiamo “Digital Coach”, notiamo che la collocazione professionale dei profili apparsi nei risultati di ricerca è importante. Il fatto di essere stati formati da noi ha permesso ai nostri studenti di entrare e ricoprire ruoli importanti all’interno dell’ambito digitale. 

 

Quali sono i percorsi più richiesti? Perché secondo lei?

Non parlerei di percorsi più richiesti. C’è un problema di fondo: una cosa è quello che le persone sono influenzate a diventare dai media. Altra cosa è quello che le persone è corretto che diventino in funzione di chi sono. Quindi il nostro metodo non funziona necessariamente sul proporre qualcosa perché tira, perché va di moda o è più richiesto. Anche perché nel mondo del digitale, tutte le professioni sono in crescita. Semplicemente alcune posizioni hanno più offerte di lavoro e anche più competizione, mentre altre professioni digitali sono più di nicchia, ma hanno anche meno competitor digitali. Il grande tema è soprattutto il cercare di capire le attitudini naturali di una persona, i suoi punti di forza, il suo background professionale e la storia professionale passata per cercare di vestire questa persona con l’abito digitale migliore possibile. Cerchiamo quindi di indirizzare lo studente verso la professione digitale che è più in linea con le sue naturali attitudini, caratteristiche, motivazioni e obiettivi, e nella quale abbia quindi le più alte probabilità di sentirsi bene, di esserne soddisfatto e di farla in maniera motivata per ottenere i migliori risultati professionali.

Uno dei motivi per i quali ci chiamiamo Digital Coach è proprio perché facciamo delle sessioni di career coaching con i nostri studenti. Abbiamo un programma di assistenza e supporto durante i nostri percorsi formativi che consente di avere l’aiuto di professionisti che durante il periodo di studio, aiutano a trovare la professione digitale ideale oltre che a sviluppare un piano di marketing personale capace di attrarre opportunità professionali.

Darebbe un consiglio a chi vuole lanciare un proprio business online?

Il consiglio è molto semplice. Valuta se hai attitudini imprenditoriali. 

Lanciare un proprio business online è un’operazione molto intelligente da fare se si hanno le attitudini e le caratteristiche di base dell’imprenditore, ovvero un profilo attitudinale e caratteriale e motivazionale da imprenditore: questo significa grande determinazione, obiettivi di lungo termine, dei driver interni, ovvero non aver bisogno di stimoli esterni ma essere in grado di trainare la propria attività. 

Detto questo, il fatto di avere un business online è una scelta intelligente perché l’online offre delle opportunità in termini di vendite, fatturati, raggiungibilità dei clienti, riduzione dei costi, e tutta una serie di sinergie che i mondi offline non ti offrono. 

Online ci sono grandi opportunità, ma bisogna evitare di pensare che fare business online significhi quello che molti presunti trainer “vendono”, illudendo tante persone con la promessa di fare tanti soldi magari lavorando dalla spiaggia affidandosi solo a software che in automatico fanno tutto al posto tuo!

L’asticella ormai è più alta. Si possono fare grandi cose online, ci sono sicuramente grandi opportunità, ma serve davvero un grande impegno.

Grazie mille a Luca Papa per il suo contributo. Iniziamo questo 2020 con grande motivazione, con la voglia di impegnarci sempre di più per raggiungere i propri obiettivi, ma soprattutto con la consapevolezza che tutto questo non sia un gioco, ma un lavoro, che richiede sacrifici, dedizione e perseveranza. L’augurio per tutti voi è quello di trovare il percorso migliore e soprattutto in linea con le proprie attitudini. Il successo sarà solo una piacevole conseguenza di tutto il vostro impegno!

di Serena Galletti

Pin It on Pinterest